Don Primo Mazzolari Parroco d’Italia

img746

 

di: Bruno Bignami

Prefazione di padre Giancarlo Bregantini

 

 

Nell’Italia del primo Novecento don Mazzolari decidere di non ritirarsi all’ombra del campanile di Bozzolo, Nella Bassa padana, ma di partecipare con convinzione al travaglio storico del suo Paese. Lo si vede soldato e cappellano militare nella prima guerra mondiale, antifascista , resistente, sostenitore delle istanze della pace, costruttore di riconciliazione in diverse piazze italiane, saggista, promotore del dialogo di tra differenti anime della società. La sua voce inconfondibile percorre tutto lo Stivale e raggiunge le isole della Sicilia e della Sardegna; negli anni Cinquanta un fiume di persone giunge da ogni parte alla canonica di Bozzolo per ascoltare la parola dell’arciprete.

Questa biografia si propone di mettere in dialogo i diversificazione mondi che hanno segnato il ministero sacerdotale di don Mazzolari: il servizio alla parrocchia e l’impegno «oltre la parrocchia» per una pastorale missionaria e una testimonianza coraggiosa ispirata al convincimento che «i destini del mondo si maturano in periferia». I borghi della Bassa padana sono sicuramente periferia dell’Italia novecentesca, ma non sono diventate prigioni del pensiero e dell’anima perché ogni luogo può essere finestra sul mondo se è capace di rigenerare amore e passione per la vita umana.

You may also like...

Comments are closed.